La Sirena consiglia


a cura di Giulia D'Angelo

Scendete Sott'acqua con me
di Duilio Marcante, pag. 482
Edizione Ceschina 1968

Mi sembra doveroso fare un omaggio - in questa nuova rubrica sui libri di mare - a Duilio Marcante, primo grande istruttore subacqueo italiano che ha insegnato ad andare sott'acqua, in apnea e con le bombole, ad un'infinità di amanti del mare. E' un libro storico e vintage, questa terza edizione di Scendete Sott'acqua con me, pubblicata nel 1968 con la prefazione di Luigi Durand De La Penne (medaglia d'Oro V.M. mezzi d'assalto subacquei) e la collaborazione, per la parte medica, del prof. Giorgio Odaglia. E' stato il manuale studiato da generazioni di subacquei e scritto da Duilio Marcante, istruttore della scuola sub del Centro Subacqueo di Nervi, che ha visto la partecipazione di allievi subacquei italiani e stranieri, campioni o principianti, istruttori o allievi. Tra questi ci sono stata anch'io quando ho iniziato ad andare sott'acqua nel 1962. Dal 1956 fu consulente tecnico del Centro Sommozzatori dell'Arma dei Carabinieri. E' stato il primo corrispondente della Gazzetta dello Sport, chiamato all'incarico da Gianni Brera. Fu anche redattore di Pescasport e collaboratore di Mondo Sommerso, dove ha pubblicalo numerosi articoli. Era un uomo affascinante Duilio e molto bravo ad insegnare: non è possibile dimenticarlo. "Dai ricordi della mia gioventù - scrive Marcante nelle notizie preliminari del testo - le prime figure di uomini che andavano sott'acqua emergono in un periodo che va dal 1926 al 1930. Sott'acqua ci andavo anch'io, come una buona parte di coloro che vivevano sulle spiagge in estate e in inverno". E' nata in Campania e in Liguria e che è nata l'attività subacquea Italiana. Le prime fabbriche produttrici di pinne, maschere autorespiratori, bombole e tutte le attrezzature sub sono nate in Liguria con la Tecnisub e la Cressi, di cui mitiche sono state le Pinne Rondine. I proprietari Luigi Ferraro e Egidio Cressi erano dei provetti subacquei.
Ancora oggi il volume è utile per i numerosi esercizi che vi sono descritti da Marcante, soprattutto per l'apnea. Interessante la prima parte del libro dove si descrive la preistoria e la storia dell'attività subacquea. La terza edizione di Scendete Sott'acqua con me è disponibile presso la libreria Internazionale Il Mare






Blu Estremo - Oltre l'immersione profonda
di Francesco Saverio D'Aquino, Luca Lucarini, Fabio Perozzi,
pag.268

Sono tre gli autori di questo interessante volume: Francesco Saverio D'Aquino ha una grande passione per l'attività subacquea e vi ha coinvolto anche la sua famiglia. E' nato a Roma il 1975 ed ha conseguito due lauree. Luca Lucarini detto Dr. Deep, è nato a Terni nel 1963, esperto di profondismo con le miscele, nel 1988 ha raggiunto i 150 metri di profondità e utilizza il CCR Ouroboros. Fabio Perozzi è nato a Roma nel 1969, giornalista collaboratore di Metro, Leggo e Tg5, ma la sua vera passione è la subacquea in profondità.
I tre autori sono hanno scritto un'avvincente cronistoria dell'attività subacquea profonda, attraverso aneddoti e racconti, interviste e memorie. I loro racconti riguardando i rebreather, i record e le sconfitte dell'attività subacquea tecnica degli ultimi anni, che riguardano anche personaggi controversi. Ognuno di loro, forte della propria esperienza di immersioni profonde di oltre i 200 metri, offre al lettore consigli per la ricerca della configurazione perfetta. Il volume è arricchito da testimonianze fotografiche delle immersioni estreme dei diver che si possono considerare guide della subacquea. Le immagini raccolgono il frutto di anni di esperienza dei migliori esponenti dell'attività subacquea non solo in Italia.






Sesto Continente

di Folco Quilici, edizioni Rizzoli, pag 263


Si tratta di una rivisitazione del volume Sesto Continente scritto negli anni 60 dal nostro più famoso uomo di mare. Pochi sono gli italiani che non conoscono Folco Quilici. E’ stato scrittore, giornalista, regista, documentarista e per lo più si è occupato di mare. Sesto continente fu il primo lungometraggio sulla “Subacquea” girato durante la prima spedizione italiana in Mar Rosso nel 1952. C’erano, in quella spedizione, i più spericolati e noti subacquei italiani da Bruno Vailati, a Raimondo e Enza Bucher, da Gianni Roghi a Giorgio Ravelli, da Francesco Baschieri al Principe Alliata, (che fu il produttore del lungometraggio),    e ancora Masino Manunza, Fosco Maraini e altri subacquei accaniti pescatori e scienziati. Rivedendo oggi le immagini di allora ci si rende conto della grande ricchezza del Mar Rosso in quegli anni. Erano ancora gli anni dei pionieri e dell’entusiasmo per il Nuovo Continente inesplorato, quando ancora non si conoscevano le pericolosità anche mortali di alcuni molluschi. Nel volume c’è una selezione di foto di quei tempi in bianco e nero. Rivendendo oggi il lungometraggio e le foto ci si domanda come mai i partecipanti alla spedizione uccisero tanti pesci comprese le inoffensive mante, certo non adatte alla nutrizione degli uomini della spedizione. Ma nel 1952 i subacquei italiani non avevano mai visto una manta e non ne sapevano quasi nulla del mare e dei suoi abitanti. In realtà a quei tempi ci si accostava all’attività subacquea, solo per pescare soprattutto grandi cernie. Ora sappiamo qualcosa in più del mare e i subacquei moderni preferiscono fotografare e ricercare relitti. Ma dobbiamo ringraziare comunque i pionieri che si avventuravano nel mondo subacqueo senza sapere nulla delle profondità marine e dei loro abitanti. Il volume è un ricordo storico di quei tempi ed è una testimonianza del passato. A completamente del libro, nella parte finale, c’è un’appendice illustrata ad opera di Flaminia Clementi - disegnatrice e ottima subacquea - in cui sono proposte alcune visite delle affascinanti reef corallini che furono fotografati e ripresi da Folco ai tempi della spedizione in Mar Rosso.

Mare

di Gaetano Cafiero e altri, edizioni White Star, pag.504 


Un libro prevalentemente fotografico in formato quadrato, di qui il nome della collana “Cube Book”.    Vari autori tra cui Carlo Marincovich, Angelo Mojetta, Alessandra Sensini, Giovanni Soldini hanno scritto le introduzioni alle bellissime fotografie degli oceani e mari di tutto il mondo - di superficie e subacquee, che vi sono pubblicate. Un numero di pagine consistente è stato scritto da Gaetano Cafiero (detto Ninì), noto scrittore di testi subacquei e dedicati al mare, che si definisce “un subacqueo prestato al giornalismo”. Ninì scrive in modo magistrale sul mondo marino e sottomarino. “Ci sono ancora molti misteri da svelare sugli Oceani” dice Cafiero. L’Oceano è l’alambicco nel quale la vita ha avuto origine e malgrado l’impronta negativa degli usi e costumi degli esseri umani, conserva molte delle caratteristiche ancestrali. Insomma, malgrado tutto l’immensa distesa blu rimane la più incredibile delle regioni selvagge, in piccola parte ancora intatta. Nei secoli il rapporto dell’uomo con il mare si è fatto via via più complesso. Il mare esiste ancora, malgrado l’Homo Sapiens, che ogni giorno lo inquina e lo distrugge. L’uomo ha inventato molti strumenti per poterlo studiare anche sott’acqua, ma ancora siamo molto indietro con le nostre conoscenze del mondo sottomarino e del Sesto Continente: spendiamo molti più denari per le armi e per la ricerca sugli altri pianeti e sulle stelle, che per la conoscenza del mare profondo. Questo volume ci mostra, con le sue bellissime immagini, la grandiosità e le risorse dell’elemento acqueo che ci circonda.

* Campi obbligatori