Acqua

16 di Settembre, 2021 - Mari e fiumi - Commento -

 Foto di  Corto Maltese  testo di Massimiliano de Cristofaro 16/09/2021 

L’acqua è l’elemento naturale per eccellenza. Richiama la vita. Dona la vita. 

Combatte la tensione del globo. Tende a rilassare chiunque in uno stato di “limbo” prenatale, anche la terra che, bagnata, si ammorbidisce. 

L’acqua è, di per sé, un'esperienza tranquillizzante dalla quale trae beneficio il corpo umano ma, soprattutto, la mente. Il contesto “acqua” è meraviglioso, i suoni, tutti i suoni sono ammorbiditi, lo stesso semplice contatto con l'acqua invoglia ad un abbandono. 

I colori di base sono il blu e il bianco. 

Acqua, ovunque sia l’acqua, mare, fiume, lago, il riflesso del cielo, il blu, ormai la fa coincidere con l’armonia del colore più pacato della scala cromatica, non a caso, uno dei tre primari, il blu. 

L’acqua potrebbe avvalorare la tesi dell’infinito, laddove nello spazio c’è acqua allora c’è anche vita. 

Probabilmente, il suo principale concetto espressivo nell’essere umano è proprio l’incomputabile, oltre al congiungere quel familiare senso di assoluta difesa e ricezione positiva che solo l’acqua, fra gli elementi, è in grado di consegnare all’essere vivente. 

L’acqua dolce ha i suoi mille aspetti positivi, l’acqua di mare, piuttosto, ha il suo fascino antico. Acqua. Tutto diventa magico in acqua. 

Tutto diventa sinuoso, morbido, cedevole in acqua. 

Non c’è peso fisico in acqua. 

Non ci sono pesi mentali in acqua. Pratico da millemila anni il Ju Jitsu, così come il Judo, chiamato la disciplina marziale pareggiata all’acqua, non vi è nulla di più cedevole al mondo di un alito d’aria o di una goccia d'acqua. 

Tutto in acqua si muove con delicatezza, con gradevolezza, dervisci che danzano in un nuovo mondo che racchiude il vecchio mondo che viaggia comodo, in corrente, sempre in prima classe. 

C’è pace sotto la superficie dell’acqua, sotto di essa i problemi del quotidiano si alleggeriscono e in profondità scompaiono, almeno per un po’. 

Nessuno ci insegue sott’acqua, nessuno ci arriva, nessuno ci nota, siamo parte del mondo circostante ma ad un solo patto, che si lasci sempre tutto così com’è. 

Quanto siamo fortunati sulla Terra? Molto, infatti l'acqua ne copre il 71% della superficie, il 97,5% è salata e il suo volume globale è pari ad un miliardo e mezzo di chilometri cubi. 

Quindi sul nostro bellissimo pianeta c’è più acqua che terra. 

Chi abita l’aqua? 

L’acqua è abitata da nobili creature, erma, da forme di vita raffinate, attraenti, meravigliose, avete mai osservato i nudibranchi? 

E le stelle marine? 

Voglio indicare alcuni esseri che vivono il mare affinché possiate fare ricerche in proprio e goderne a pieno. 

Cercate in internet il napoleonfish, l’aragosta blu, l’arothron maculato di blu, la murena nastro, l’ eastern blue gopper, il glauco blu, il marlin azzurro, il pesce topo di profondità, il drago marino, il pesce fantasma binoculare, il curioso blobfish, il cryptopsaras couesii luminescente, il diavolo nero, il polpo dumbo, il calamaro vampiro o lo strano fangtooth. 

Senza calcolare ciò che di sovente si scopre nel mare nei pressi delle isole Galapagos. 

Se l’acqua vi chiama dovete rispondere. 

Siamo quasi alla fine, se vi piace il mondo marino dovete viverlo realmente, se quando passano i documentari dove c’è di mezzo il mare e vi incollate davanti al televisore allora credo sia giunto il momento di farsi avvolgere dalla passione, o forse, da una muta! 

Non abbiate paura dell’acqua, è disumano averne, siamo acqua, non possiamo avere paura. Una curiosità. Il blu è il colore del cielo. È il colore del mare. 

La parola chiave del blu è “purificazione”, con rendere puro in questo contesto, si vuole rappresentare la capacità del blu, di separare ciò che è pericoloso da quello che non lo è. All'opposto, gli anglosassoni considerano il colore blu un colore “freddo”, infelice, malinconico. 

Lo associano alla tristezza, alle cose fredde e insensibili. D'altronde gli anglosassoni non lo vedono mai il cielo blu, li comprendo …

Il blu raffigura l'intelletto, la fedeltà, la verità assoluta, la persistenza, non di meno il blu è il colore della grande profondità e il principio femminile. 

Il blu è il colore della calma, dell'infinito, della pace, della serenità emotiva e dell'armonia fra le cose animate e inanimate del globo terracqueo. 

Il blu potrebbe essere anche un amico, ma qui entriamo nella sfera dell’intuizione dell’armocromia. 

Come dite? Non credete a queste cose? 

Beh, allora iniziate a studiare “il perché” Facebook, ad esempio, utilizza proprio quella tonalità di blu, poi ne riparliamo! 

Ah, non è vero che è blu perché Mark Zuckerberg è daltonico e quindi non vede il rosso e il verde, il motivo del blu è bel altro…


Foto di Archivio/Redazione

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori
Post precedente Post successivo