Diabete e subacquea

17 di Marzo, 2021 - Attività subacquee - Commento -

a cura di Claudio Sisto (fonti DAN)

“Non esiste il diabetico, ma esiste il/la subacqueo/a con il diabete”

Nel 1996, un workshop della Underwater Hyperbaric Medical Society , intitolato “Some Diabetics are fit to dive, but who?” aveva posto dei punti fermi:

-il subacqueo diabetico va incontro al rischio di convulsioni e perdita di coscienza che potrebbero comportare l'annegamento ed un rischio aggiuntivo del compagno di immersione;

-non tutti i malati di diabete possono essere considerati incondizionatamente idonei alle attività subacquea;

-un'immersione non è controindicata se le persone con diabete rispettano particolari norme e procedure, effettuando controlli periodici delle complicanze correlate ala diabete e sono capaci di non confondere l'ipoglicemia con la narcosi da azoto.


Una statistica raccolta dal DAN nel quinquennio 1989-1994, ha stabilito che la percentuale di incedenti subacquei nella popolazione diabetica su 2400 casi di MDD, solo 8 avevano interessato subacquei diabetici.

Nel 1996 il DAN aveva avviato uno studio specifico per la valutazione dei rischi durante un immersione per un diabetico. Lo studio si è basato sulla diffusione di un questionari specifici e su rilevamenti presi sul campo. Nel 2005 si teneva a Durham il workshop organizzato dalla DAN assieme all'UHMS “Diabetics e Diving: Guidelines for the future” durante il quale vennero stilate le prime linee guida.

Mentre nel 2004 presso l'Ospedale di Niguarda a Milano nasceva il progetto “Diabete Sommerso” sempre in collaborazione con il DAN e con il sostegno della Associazione Diabetici della Provincia di Milano.



Lo scopo del progetto fu quello di avvicinare la pratica delle immersioni con autorespiratore ARA, in massima sicurezza a giovani ed adulti affetti dal Diabete Mellito. Nella fase iniziale del progetto si era proposto di portare un gruppo di giovani diabetici di tipo 1 al conseguimento del brevetto sub OWD.

L'obiettivo fu raggiunto con successo pieno, effettuando il corso con i criteri di una nota didattica subacquea internazionale, integrando moduli aggiuntivi teorico-pratici mirati alla fisiologia dell'esercizio fisico, adattamento terapeutico, problemi specifici per il soggetto diabetico. Il progetto “Diabete Sommerso” ha raggiunto moltissimi risultati e molta più consapevolezza, basati sulla ricerca su campo e non solo su questionari retrospettivi.

Un aspetto peculiare molto importante è stato introdurre un DEVICE (dispositivo) che consente il monitoraggio continuo della glicemia interstiziale sott'acqua. L'utilizzazione di dispositivi che monitorizzano continuamente e ripetutamente la glicemia durante l'immersione, aiutano a verificare quali possono essere considerati i soggetti più a rischio indipendentemente dall'immersione, nell'ambito di una comune patologia.

Il 66 % dei subacquei monitorati ha avuto bisogno di supplemento di carboidrati o insulina nel periodo dell'immersione, mentre modesta è risultata la riduzione della glicemia. In sostanza quindi il diabetico deve partire “carico” prima di immergersi, altrimenti il modesto abbassamento glicemico diventa pericoloso, inoltre il subacqueo diabetico deve essere messo a conoscenza che se il suo valore va sotto il 70% di glicemia durante il monitoraggio costante è a rischio.

“Non esiste il diabetico, ma esiste il/la subacqueo/a con il diabete”.

sostieni il progetto tyrrhenia

Aiutaci a mollare gli ormeggi verso il mare, per il mare!

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori

Lascia il tuo commento
L'indirizzo email non sarà pubblicato.

6 + 8 =
Post più recenti
Categorie
Post precedente Post successivo