E se ad un subacqueo viene il mal di mare?

17 di Maggio, 2021 - Subacquea - Commento -

a cura di Claudio Sisto

Qualche rimedio contro il fastidioso mal di mare

Il mal di mare colpisce anche noi subacquei, e quindi non è solo un leggendario retaggio di chi va solo in barca… anzi. Anche a me è capitato di avere nausea, causata dall’incontrollato movimento dovuto dalle onde, nulla di insopportabile, ma comunque fastidioso, poi regresso e sparito in poco tempo.

Quindi sappiate che può capitare a chiunque, nessuno è esente da questo fastidiosissimo sintomo, a volte invalidante al 100%.

Questo disturbo non va sottovalutato, e può essere in qualche modo arginato se preventivamente trattato da chi ha la certezza di soffrirne.

Alcuni pratici esempi da tenere  durante le trasferte in barca tra il porto ed un sito d’immersione che potrebbero preservarvi dall’odiato malessere sono riunite secondo il parere di alcuni medici in questo vademecum:

- non bere alcolici a ridosso di una trasferta in barca (ma soprattutto prima di ogni immersione NO ALCOOL);

- coprirsi l’addome con vestiari pesanti se si ha freddo o comunque in modo preventivo d’inverno;

- non abusare di bevande contenenti caffeina;

- mangiare poco ma spesso durante la navigazione;

- non stare sotto coperta quando si naviga e quindi non poter osservare l’orizzonte.

Comunque il rimedio radicale è, se siete comunque a conoscenza di soffrire il mal di mare è di recarsi presso una farmacia prendere i rimedi classici tipo il “braccialetto” o i “cerotti”, da applicare comunque molto tempo prima di salire a bordo per dar modo al medicinale di fare effetto.


Energy braccialetto contro il mal di mare

Anche la gomma da masticare va bene, ma siate consapevoli che contiene un anestetico e quindi accertatevi prima che non esista un pericolo allergico o che vi comprometta le capacità cognitive.

Io mi sento di consigliarvi una chiacchierata col vostro medico di base, per poter concertare un rimedio che non invalidi le vostre immersioni, perché come è noto, si sconsiglia altamente di fare immersioni, imbottiti di medicinali.

Se doveste essere colpiti dal mal di mare in una situazione dove non avete nulla sotto mano per rimediare chimicamente, potreste provare delle manovre meccaniche, tipo sdraiatevi e chiudete gli occhi, di solito un po' allieva i sintomi.

Oppure cercate di tenervi impegnati per esempio tenendo il timone o la barra della barca, perché vi permetterà di guardare l’orizzonte.

Detto ciò nulla di questo deve essere preso come dogma universale. Ogni individuo sa i propri limiti (si spera) ed è a conoscenza di soffrire di mal di mare in barca o in immersione, quindi potrà gestire utilmente le proprie esperienze in merito e capire quando è il momento di rinunciare per evitare che un semplice mal di mare possa divenire tragedia.

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori
Post precedente Post successivo