Le immersioni a Torre Astura

11 di Novembre, 2020 - Racconti di mare - Commento -

Quei fantastici anni '80

Le immersioni a Torre Astura

Il nostro addestramento subacqueo era permanente, uno per tenerci in forma fisica, e due la subacquea negli anni 80 era in continuo aggiornamento e dovevamo sempre testare i materiali nuovi che venivano lanciati sul mercato.

Si andava spesso, nei tempi morti, a Torre Astura, che distava dalla darsena 4 miglia ed era un posto adatto alle nostre “manovre” sottomarine. La bellezza di questa località ancora oggi richiama molti curiosi e purtroppo anche molti pescatori in apnea, che si ostinano a catturare polpi ed altre specie che a mio giudizio potrebbero continuare a vivere nel blu senza dover diventare vittime di una pesca inutile ed oltremodo dannosa all'ecosistema marino che sta soffrendo moltissimo per le note varie cause.

Ricordo perfettamente come fosse oggi il fatidico arrivo del “gav” (giubotto ad assetto variabile) di nuova generazione di un' importante marca a cui affidavamo le nostre esigenze professionali. Salpammo di mattina presto con il gommone di servizio, il mitico “ CORTO MALTESE”, alla volta di Torre Astura.

Giunti sul punto deciso in un fondale di 15 metri, cominciammo la nostra esplorazione con l'utilizzo di questo importante dispositivo per le immersioni. Un po' goffi e impacciati, poiché eravamo abituati a scendere senza troppi ammennicoli, cominciammo a studiare le varie opportunità forniteci da questo aggeggio spaziale.

La raccomandazione era quella di non usarlo per risalire. Impiegammo pochissimo ad apprendere la bellezza e l'utilità del nuovo Jaket, potevamo praticamente volare nell'acqua o restare sospesi nel blu , fermi senza faticare. E poi le numerose tasche permettevano di inserire tutta la minuteria che eravamo soliti portare agganciata alla cintura dei pesi.

Insomma si entrava nell'era moderna ed evoluta della subacquea.

Anche in questa occasione il “Comandante” Francone è stato d'esempio per la sua generosità d'insegnamento e di trasmissione professionale a noi novizi sub.

Claudio Sisto

Le immersioni a torre astura
Condividi 

Lascia il tuo commento
L'indirizzo email non sarà pubblicato.

5 + 4 =
Post più recenti
Categorie
Post precedente Post successivo