Louis Boutan e le prime fotografie subacquee del 1892

29 di Gennaio, 2021 - Storia della marineria e della subacquea - Commento -

La "photographie sous-marine" di Louis Boutan

Valentina Cornacchione / FRA - Fronte di Resistenza Analogica

Louis Boutan non è un fotografo ma un biologo impegnato nello studio dei molluschi nel loro ambiente naturale. Dopo la laurea alla Sorbona comincia a lavorare presso il laboratorio Arago di Banyuls-sur-Mer, nel sud della Francia, uno dei primi centri di ricerca costruiti sul mare e dedicati espressamente alla biologia marina.

Baie des Elmes 1898, Louis Boutan, archives Laboratoires Aragole


Siamo nell'ultimo decennio del XIX secolo, nella Francia delle sperimentazioni fotografiche e in questo contesto Boutan comincia a ragionare sulla possibilità di documentare fotograficamente i contesti sottomarini che fino a quel momento erano stati solo descritti dagli studiosi mediante i resoconti delle immersioni. Grazie all'aiuto del fratello ingegnere, Auguste, e del suo assistente Joseph David, un geniale meccanico, Louis Boutan comincia ad effettuare le sue immersioni utilizzando una custodia stagna contenente una macchina fotografica del tipo “detective”, un apparecchio a box dotato di 10 lastre formato 9 x 12, a fuoco fisso, diaframmi regolabili e tre tempi di scatto: fisso, lento e veloce.

Louis Boutan, esperimenti di fotografia sottomarina

Apparecchio fotografico "detective", archivi Laboratori Arago


Grazie a questo strumento a partire dal 1892 Boutan comincia a scattare immagini in ambiente sottomarino ma si rende conto che per ottenere qualche risultato è necessario trovare una soluzione capace di compensare l'insufficienza luminosa sottomarina che rendeva impossibile impressionare a dovere le lastre fotografiche.

Apparecchio fotografico da immersione e anemone


Decide quindi di studiare un sistema di illuminazione artificiale portando sott'acqua la luce necessaria e mette a punto un flash al magnesio costituito da una campana di vetro al cui interno viene inserita una lampada a spirito collegata a un serbatoio e a una botticella zavorrata, riempita di una miscela di aria e ossigeno destinata a garantire la continuità della fiamma.

Louis Boutan in posa davanti lo strumento per illuminare il fondale


Immagine esemplificativa del funzionamento dell'apparecchio fotografico subacqueo di Boutan e della lampada al magnesio per illuminare il fondale.

Pur nella sua artigianalità il sistema funziona e la luce prodotta dal magnesio, permette a Boutan di impressionare le lastre e di ottenere le prime vere fotografie subacquee, scattate fino a 9 metri di profondità davanti a una prateria di posidonie che diventano il primo soggetto immortalato in ambiente sottomarino, e che renderanno famoso l'autore facendo di lui il padre della fotografia subacquea.

Joseph David in immersione fotografato da Louis Boutan (1898)


Nel 1899 Boutan arriverà ad effettuare delle riprese a cinquanta metri di profondità con illuminazione elettrica e nel 1900 raccoglierà tutte le sue esperienze in un testo storico intitolato “La Photographie sous-marine”, in cui scrive «Ho aperto la strada... Ad altri il compito di seguirla, di battere nuove vie e di arrivare a compimento».

Frontespizio del volume La photographie sous-marine di Louis Boutan, Parigi 1900


Louis Boutan, 1893



sostieni il progetto tyrrhenia

Aiutaci a mollare gli ormeggi verso il mare, per il mare!

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori

Lascia il tuo commento
L'indirizzo email non sarà pubblicato.

9 + 1 =
Post più recenti
Categorie
Post precedente Post successivo