Nuove immagini e voci dal profondo del mare

14 di Dicembre, 2020 - Mari e fiumi - Commento -

Scoperta una possibile nuova specie di cetaceo, a breve le conferme delle analisi

Valentina Cornacchione - Redazione

Incredibile ma vero, si dice che si conosce più lo spazio che l'oceano. A confermare questo pensiero è la nuova scoperta fatta nei mari occidentali del Messico. 

La mattina del 17 novembre, durante l’osservazione delle balene nel Golfo del Messico scienziati e ambientalisti che lavorano con Sea Shepherd Conservation Society, hanno acquisito filmati di una specie di balena  (nello specifico, tre balene dal becco) non identificata nelle acque a nord delle isole San Benito.

Fotografia di Simon Ager

La spedizione, finalizzata allo studio dei cetacei presenti nelle acque circostanti le Isole San Benito, è stata guidata da rinomati ricercatori di questa specie quali il Dottor Gustavo Cárdenas Hinojosa del Marine Mammal Research Group del CONANP, il Dottor Jay Barlow e la Dottoressa Elizabeth Henderson, leader del programma di ricognizione acustica delle balene del NIWC PAC in collaborazione con il Dipartimento Scientifico di Sea Shepherd.

Gli scienziati e l’equipaggio di Sea Shepherd hanno realizzato fotografie e registrazioni video degli animali e hanno utilizzato un microfono subacqueo per registrare i segnali acustici emessi dalle balene, quest'ultimi mai sentiti prima. Gli esperti di balene dal becco, figure di spicco nel loro campo, sono “altamente fiduciosi” che le prove fotografiche e acustiche rivelino la presenza di una specie di balena completamente nuova.

Fotografia di Elizabeth Henderso


Il campionamento genetico ambientale, eseguito al momento dell’avvistamento, è in fase di analisi e dovrebbe provare definitivamente l’esistenza di questa nuova specie.

“Abbiamo visto qualcosa di nuovo. Qualcosa che non ci si aspettava in quest’area, qualcosa che non corrisponde, né visivamente né acusticamente, a nulla che sia attualmente noto”, ha detto il Dottor Jay Barlow. “Mi vengono brividi su e giù lungo la schiena quando penso che potremmo aver compiuto ciò che la maggior parte delle persone considera impossibile: trovare un grande mammifero totalmente sconosciuto, che vive sulla terra proprio adesso”.

Nel 2018, gli scienziati hanno registrato un segnale acustico sconosciuto nelle acque a nord delle isole San Benito. Il segnale, noto come BW43, era stato precedentemente rilevato al largo della costa della California e gli scienziati ritengono che potrebbe essere il suono della balena dal becco di Perrin.

 La balena dal becco di Perrin è una delle ventitré specie conosciute di balene dal becco che si trovano negli oceani di tutto il mondo. Non esistono avvistamenti dal vivo confermati delle balene dal becco di Perrin e le dimensioni della sua popolazione, così come l’area geografica, sono tutt’ora sconosciute. L’animale documentato in questa spedizione è una balena dal becco, ma non è la balena dal becco di Perrin o qualsiasi altra specie conosciuta.

Il segnale acustico emesso dalla specie sconosciuta non è BW43 o qualsiasi altro suono noto alla scienza. L’analisi iniziale indica che le caratteristiche fisiche delle balene avvistate non corrispondono a quelle di Perrin o di altre specie conosciute di balene dal becco. I ricercatori ritengono che gli animali osservati in questa spedizione siano una specie appena identificata.

“Sea Shepherd crede fermamente nel ruolo fondamentale che la ricerca scientifica gioca nel sostenere una forte azione di conservazione. Per proteggere adeguatamente qualcosa, devi amarlo; e non puoi amare ciò che non conosci. La scoperta d’una nuova specie di balena dal becco dimostra quanto mistero sia rimasto da scoprire negli oceani che i nostri capitani, equipaggi e partner di ricerca combattono per difendere”, ha affermato Peter Hammarstedt, Direttore delle campagne di Sea Shepherd.

Inoltre, si riconferma ancora una volta l'importanza della fotografia subacquea, che tramite il suo occhio dona al mondo nuove sorprese e scoperte da studiare, proteggere ed ammirare.


Le fotografie sono state gentilmente concesse da Sea Shepherd Italia

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori
Post precedente Post successivo