Patella Caerulea

31 di Luglio, 2021 - Mari e fiumi - Commento -

Da "Conchiglie" caratteristiche e vita dei molluschi , Mondadori Editore 1980 AA.VV  a cura di Caudio Sisto

Patellidi

Si tratta di conchiglie di taglia media, moderatamente spesse, di forma conica più o meno elevata, con apice subcentrale con il margine ovoide o poligonale.

Piccoli solchi radiali scolpiscono la struttura, che possono scomparire in alcune forme o dare luogo a costole più o meno forti ad altre.

Foto di  Claudio Sisto 


La scultura concentrica e data dalle strie di accrescimento,  è di solito poco evidente.

Il margine è tagliente e la colorazione è variabile, da forme biancaste o maculate di marrone, si passa a forme rossastre o grigiastre, macchiate irregolarmente di bianco.

Quasi sempre, scultura e colorazione sono nascoste dalle incrostazioni. Anche il colore della superficie interna è variabile, da biancastro a grigio lucente con riflessi bluastri che danno il nome alla specie "Caerulea".

Il corpo ha un grosso piede discoidale grigiastro o aranciato, ed il capo si evidenzia da due piccoli tentacoli.

Le vere branchie sono sostituite da una serie di branchie secondarie di origine palleale, disposte a semicerchio, nella porzione posteriore della cavità del mantello.

Vivono su scogliere del piano mesolitorale o dell'orizzonte superiore del piano infralitorale, anche se alcuni esemplari  sono reperibili a profondità elevate.

E' una specie mediterranea ma nel Mar Nero è sostituita da una sottospecie, la Patella caerulea pontica.

foto di Valentina Cornacchione

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori
Post precedente Post successivo