Una soluzione alle microplastiche esiste, ed è un accessorio per la lavatrice

29 di Gennaio, 2021 - Per l'ambiente - Commento -

Guppyfriend bag, la borsa che cattura davvero le microplastiche

Valentina Cornacchione

Andando avanti con i preparativi per il nostro viaggio per il Progetto Tyrrhenia, mi sono imbattuta, grazie ai social, nel negozio NATURALmente sostenibile, il primo negozio sostenibile in Sardegna specializzato in prodotti etici e a basso impatto ambientale.

Curiosando, ho trovato il prodotto protagonista di questo articolo: la Guppyfriend washing bag.

Perchè è importante conoscere l'azione subdola delle microplastiche:

le microplastiche non sono altro che dei pezzettini frutto del deterioramento della plastica. Con l'azione dei raggi uv, dell'acqua e nel sale (prendendo in esempio il mare), la plastica si deteriora in piccoli frammenti porosi, che hanno la capacità di assorbire le sostanze chimiche dell'industria e dell'agricoltura.

Tutto ciò rende le microplastiche delle vere e proprie pillole di veleno, poichè si è visto che plancton e larve di plancton ne ingeriscono a volontà, entrando così inesorabilmente nella catena alimentare (anche nella nostra, ebbene sì).

Quindi è chiaro che meno plastica (e conseguentemente microplastica) circola nelle acque, più anche noi ne gioveremo in salute.

Nonostante il problema della plastica sia fuori controllo (e in parte è vero) e che fermarne l'uso sembri un'impresa impossibile, NATURALmente ci dimostra che non è così.

Oltre a vendere prodotti per la cosmesi e per la cura della persona, per la casa e tanto altro a bassissimo impatto ambientale, la Guppyfriend bag è il prodotto (testato dalla sottoscritta) che ferma le microplastiche perse dai capi sintetici quando li laviamo in lavatrice.

Così Giulia e suo marito (i gestori del negozio) hanno ascoltato il nostro progetto e le nostre intenzioni, e con estrema gentilezza ci hanno fatto provare la borsa, perchè noi non vogliamo solo condannare la plastica, ma anche consigliarvi validissime soluzioni per contrastarla e ridurla drasticamente.

Com'è fatta la Guppyfriend washing bag:

La borsa, composta di una lampo in acciaio e di un corpo di poliammide 6.6 (non trattato, non tinto e senza additivi) è grande 50x74cm.

Ha una trama tale che filtra e raccoglie i pezzettini di fibre sintetiche (partendo dal presupposto che ogni indumento  e tessuto perde delle fibre, le più nocive sono quelle di poliestere, acrilico e nylon) che vengono rilasciate durante i lavaggi.



Grazie alla sua composizione, questa borsa è utile anche a ridurre la rottura e la perdita delle fibre degli indumenti, aumentandone così la durata.

Le fibre così, nella borsa, tendono a depositarsi maggiormente agli angoli.

Riassumendo quindi le qualità della Guppyfriend bag:

- è ad un costo onestissimo;

- è facile e pratica;

- è durevole;

- protegge i capi e l'ambiente;

- riduce notevolmente il rilascio di microplastiche negli scarichi d'acqua durante i lavaggi in lavatrice.

Risultati: inquietantemente soddisfacenti

Queste sono le fibre sintetiche (analizzando solo una minima parte della borsa) che ho fotografato:


In conclusione, noi come magazine e come fotogiornalisti subacquei amanti del mare, non possiamo e non dobbiamo restare fuori dall'argomento plastica, poichè è impossibile parlare di subacquea senza parlare di educazione ambientale e marina.

Noi subacquei soprattutto, nel mare (e nella plastica) ci sguazziamo dentro. Siamo noi ad avere il compito di portare in superficie questi problemi, e noi come Rivista abbiamo il compito di valorizzare e pubblicizzare chi, facendone un bellissimo progetto di vita, combatte ogni giorno l'uso smodato della plastica proponendo valide alternative accessibili a tutte e tutti.

E poi diciamocelo, i colori più soft del legno, dei prodotti e delle setole naturali unite al contrasto freddo dell'acciaio sono così belli.

Se non ci credete, andate a trovare a Cagliari o online NATURALmente.

sostieni il progetto tyrrhenia

Aiutaci a mollare gli ormeggi verso il mare, per il mare!

Condividi 

Così possiamo inviarvi la nostra newsletter.
Per dimostrare che non sei un robot.
Clicca sul link per leggere il nostro avviso legale.
* Campi obbligatori

Lascia il tuo commento
L'indirizzo email non sarà pubblicato.

7 + 6 =
Post più recenti
Categorie
Post precedente Post successivo